Essere o non essere?

Integrazione, amicizia, solitudine, nostalgia, nuove conoscenze, dubbi e paure.

Letti e riletti, triti e ritriti, questi concetti sono all’ordine del giorno nei blog degli expat, così come nei siti e nelle varie piattaforme dedicate alla vita da espatriati.

E, naturalmente, anche io ho il mio pensiero a riguardo e ho a che fare con questi sentimenti almeno un paio di volte al giorno.

Perché, si sa, anche vivendo al mare, nel più bello e rilassante dei contesti, non è sempre tutto bello e facile, anzi. Non lo è proprio per niente.

Poi qualche giorno fa una mia cara amica, una “soul mate” per dirla all’inglese, una expat DOC che ha vissuto quasi ovunque e che quindi “ne sa”, mi ha scritto questo :

Col tempo ti abitui a quel leggero senso di anonimato che ti da la vita da expat. Io lo trovo liberatorio e anzi da la possibilità ad altre parti di se’ di emergere perché non ci sono aspettative nei nostri confronti.”

Leggero senso di anonimato.

Wow. Che meravigliosa e quanto mai azzeccata definizione.

Perché è verissimo. Come non sentirsi anonimi in un posto nuovo dove conosci poco e nessuno?

E succede veramente di sentirsi prima o poi pienamente integrati e a casa?

Eppure, anche se apparentemente triste, questo “leggero senso di anonimato” mi ha alleggerito e non poco. Mi ha dato una nuova e interessante chiave di lettura.

Una sorta di “liberazione”, un recupero di una propria identità e “privacy” che molto spesso manca nella frenetica routine di una grande città.

Perché diciamocelo, almeno una volta nella vita chi non ha pensato : “adesso scappo e vado dove non mi conosce nessuno e dove nessuno si aspetta niente da me” … ?

Io l’ho pensato.

Certo, il troppo stroppia – dice il saggio – sempre e comunque.

Alla lunga l’anonimato può diventare frustrante e deve trasformarsi in qualcosa d’altro. Altrimenti subentrano l’isolamento e la tristezza cronica.

Ma vissuto così, come l’altro lato della medaglia, può essere un ottimo spunto di riflessione. Una modalità per fermarsi un attimo, ricercar-si e ritrovar-si.

Tirare un attimo il fiato. Scoprire proprie risorse che non erano mai emerse, forse perché schiacciate da forti aspettative nei nostri confronti.

Tirare il fiato. E poi riprendere a respirare. In una costante e – purtroppo o per fortuna – continua ricerca dell’equilibrio.

Nessun integralismo per le amicizie o le solitudini “a tutti i costi”.

Soltanto un’altra chiave di lettura.

E, ancora una volta, la consapevolezza di chi/cosa vogliamo ringraziare o incolpare per lo stato delle cose.

(Grazie Giselle)

2 pensieri su “Essere o non essere?

  1. M piace molto questa definizione e questa chiave di lettura! Soprattutto se penso che vivo in un piccolo paese dove tutti devono farsi i fatti degli altri, dove i vicini sono appostati per vedere che fai e con chi esci… Mi manca proprio il leggero senso di anonimato di cui parli, ma ho un piano! Spero di realizzarlo presto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...